Indica un intervallo di date:
  • Dal Al
Egoitaliano 13

I divani in pelle di Egoitaliano (Matera) nel programma Elite di Borsa italiana

Egoitaliano, società di Matera del comparto del mobile imbottito (si veda la precedente storia d’impresa su questo blog) è stata ammessa al programma Elite di Borsa Italiana con l’assistenza dello studio di consulenza di management Michele Fanelli ed è stata presentata il 27 aprile a Milano, a Palazzo Mezzanotte, alla comunità finanziaria, ai media, alle istituzioni e alle altre società collegate all’iniziativa. Sono intervenuti i top manager della società materana, Pietro Stano e Nino Scarcella, compreso l’export manager Giuseppe Gagliardi, che hanno raccontato il cammino della società, il progetto di crescita e le aspettative dell’azienda per Elite. “Il programma proposto da Borsa Italiana – ha sottolineato Pietro Stano, amministratore unico di Egoitaliano – appare particolarmente funzionale sia per la crescita culturale del management della società sia per individuare ed implementare i miglioramenti organizzativi necessari. La società intende anche ottimizzare la struttura delle fonti di finanziamento nella prospettiva di acquisire una propria autonoma capacità di acquisizione dei capitali necessari per finanziare la crescita, aumentando la propria competitività attraverso un uso adeguato della finanza alternativa ai tradizionali canali di finanziamento bancari mediante operazioni finanziare da maturare ed individuare nel corso del programma”.
Piccola, agile, giovane, fortemente innovativa e creativa, attivissima sui mercati esteri: Egoitaliano ha in sé i tratti caratteristici delle Pmi italiane più vivaci e che stanno sostenendo la ripresa economica. L’azienda lucana, specializzata nella produzione di divani in pelle, sta per entrare nel decimo anno di attività ed è composta da moltissimi giovani su un totale di una trentina di dipendenti. Si sta avvicinando a grandi falcate all’obiettivo (potrebbe essere ottenuto forse già in chiusura d’anno) del 70 per cento di export sul fatturato complessivo. Infatti nel 2015 le sue vendite hanno raggiunto quota 15 milioni (+21% sul 2014) e le esportazioni hanno sfiorato il 60 per cento di questo valore. Nei primi due mesi del 2016 il fatturato ha avuto una crescita complessiva del 50% rispetto allo stesso biennio 2015 e se si valuta l’andamento delle esportazioni queste hanno avuto un incremento del 60 per cento.
L’azienda di Matera (il suo motto è “Proud to produce in Matera”) si sta imponendo sui mercati esteri con una strategia molto semplice: affidare vendite e diffusione del proprio brand made in Italy soprattutto ai negozianti di mobili, clienti indipendenti. Clientela “conquistata” specialmente con una costante e ricercata partecipazione alle fiere internazionali di settore. Senza tralasciare il tradizionale veicolo dei distributori locali e del nuovo (almeno per noi italiani) strumento dei rivenditori collegati – tramite lay out e un catalogo comuni – a gruppi di acquisto. L’orizzonte di Egoitaliano è europeo e mondiale. “Stiamo crescendo soprattutto in Francia – aggiunge Scarcella –: è un mercato in cui siamo presenti da appena tre anni, ma dovremmo chiudere il 2016 con un fatturato oltralpe per circa 3 milioni di euro. Inoltre ci siamo accordati con un altro importante gruppo d’acquisto francese con proposta di nostri prodotti in dieci nuovi negozi. Stiamo poi andando bene anche in Inghilterra, dove l’apprezzamento per il design italiano è molto alto”. Egoitaliano ha una presenza importante anche in Belgio e la partecipazione alla recente Fiera di Praga del settore arredo ha dato ottimi risultati per la distribuzione nei mercati dell’Est europeo.
Egoitaliano ha nel suo “portafoglio” estero clientela significativa anche nel Far East (soprattutto Hong Kong, Singapore, Taiwan, Filippine, Malesia, Vietnam) “e ultimamente – sottolinea Scarcella -, con risultati in forte crescita anche in Corea del Sud. Vendiamo pure in Nord Africa e in Medio Oriente, con contatti spot che nascono da incontri fatti alle fiere di settore e che ci permettono di esportare alcuni container. In Israele, a Tel Aviv – dove abbiamo partecipato, anche qui, a una fiera di settore – abbiamo stretto rapporti con un distributore che ha un programma di crescita e che porterà il nostro brand in un certo numero di negozi”.

Divano Sueli

Il sito di Egoitaliano