Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Eurostampa: da Bene Vagienna (Cuneo) al mondo le etichette di wine, spirit, cioccolato e alimentari sugli scaffali della gdo, al bar, al ristorante, nelle cucine e sulle tavole – foto –

Chi ama bere vini e liquori nostrani e internazionali e consumare prodotti alimentari made in Italy ha passato tra le mani ben più di una volta bottiglie e confezioni con le etichette prodotte da Eurostampa. L’azienda, proprietà della famiglia Cillario, ha stabilimento e quartier generale a Bene Vagienna, un piccolo comune del Cuneese, in Piemonte,  con poco più di 3.500 abitanti, ma ha come orizzonte il mondo.

Eurostampa ha fatturato nel 2013 circa 110 milioni (+10% sul 2012). Da qui, nell’arco di quasi 50 anni di attività, l’azienda si è così internazionalizzata da far dipendere i suoi ricavi e un considerevole numero di dipendenti (600) non solo dal sito di Bene Vagienna ma anche dal lavoro realizzato in due altre sedi estere: a Glasgow in Scozia e a Cincinnati, nell’Ohio. E gli States, del resto, continuano a essere l’obiettivo di Eurostampa, giunta ormai al giro di boa di una trattativa che dovrebbe portarla all’acquisizione di un’altra azienda americana per incrementare la propria produzione nel Nuovo Continente. Strategie internazionali avviate in tempi non sospetti, prima dello scoppio della crisi finanziaria ed economica dagli Usa all’Europa e che oggi dimostrano la bontà di una vision aziendale azzeccata.

Luciano Cillario (nella foto al fondo dell’articolo), presidente di Eurostampa, sottolinea che «la crescita arriva dall'estero». Sembra una banalità – oggi lo dicono tutti – ma la differenza sta nel fatto che Eurostampa ha agito in tempo e di conseguenza. I ricavi esteri dell’impresa di Bene Vagienna rappresentano oggi oltre il 70 per cento del totale e la decisione, spiega ancora il presidente Luciano Cillario, di «poggiare lo sviluppo su una quarta gamba produttiva» – da qui la trattativa per un nuovo insediamento americano – conferma la scelta di internazionalizzare sempre di più l'azienda di famiglia.

Eurostampa smercia le sue etichette in carta e colla e quelle adesive in tutti e cinque i continenti e i suoi prodotti sono appiccicati su bottiglie e confezioni diffusi in oltre 30 Paesi al mondo: il core business riguarda wine, spirit e cioccolato, ma si allarga ad altre merceologie: birre, cosmetica, acque minerali, tubi e astucci. Il sito internet di Eurostampa mostra in sequenza le sue referenze. Tra queste, Novi, Ferrero, Star, Sperlari, Barilla, Bacardi, Smirnoff, Havana Club, Glenn&Black’s, Carli, Martini, Monini, Cointreau, J&B, Ricardi, De Cecco, Campari, Canadian Club, Saclà, Zonin, Lindt, Moet e Chandon, Cinzano.

Quali siano i punti di forza di Eurostampa li evidenzia il presidente Cillario: “Abbiamo sempre reinvestito gli utili in azienda, specie nei nuovi macchinari. E’ quello che stiamo facendo anche ora, con un investimento di circa un milione di euro per apparecchiature che già abbiamo, e altre ne acquisiremo, per introdurre sempre di più novità nella stampa delle etichette. Per esempio stiamo per partire con la realizzazione di etichette una diversa dall’altra, in serie,  grazie all’innovazione che ci deriva dall’introduzione del digitale. E’ un’innovazione che va nella direzione di una sempre più spinta produzione su misura, che favorisce la diversificazione e l’adeguamento alle esigenze del cliente. La tecnologia ci permette tutto questo, con un livello di qualità strepitoso”. Offerta che si aggiunge a quella tradizionale di etichette realizzate in offset, flexografia, serigrafia, impressione a lamina e rilievo. Nel solco delle innovazioni, Eurostampa ha pure introdotto la completa tracciabilità dei materiali utilizzati per le sue etichette.

Il sito di Eurostampa

 

La photogallery

Luciano Cillario