Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Ferrerolegno, ogni anno focus su un Paese. Ora scommessa sulla Russia – foto –

La cuneese Ferrerolegno ha "aperto le sue porte" alla Russia con il recente avvio di una decina di punti vendita in zone strategiche del Paese, in primis Mosca e San Pietroburgo. Una scommessa che l'azienda gioca nel presente (l'accordo con il distributore moscovita è della scorsa primavera e in questi mesi si sta concretizzando) ma che va letta anche in prospettiva futura: "Confidiamo – dice il presidente, Giuseppe Ferrero (nella foto al fondo dell'articolo) – che andando a regime, l'accordo con i russi accresca significativamente la nostra quota di export" il cui valore si attesta da alcuni anni intorno al 15 per cento sul fatturato complessivo.

Ferrerolegno è un'azienda dinamica che ha nelle porte per interni il suo core business e che opera sui mercati esteri con una strategia tutta sua, prudente e ponderata. "Abbiamo un ufficio export che fa ricerca dei mercati più interessanti,  attraverso i canali più disparati – rivela il presidente Ferrero – partecipando a fiere internazionali, utilizzando informazioni da internet o attraverso conoscenze dirette. Dopo di che scegliamo ogni anno un Paese, ce lo poniamo come obiettivo e ci focalizziamo su quello, per non essere dispersivi. Puntiamo, ovviamente, su distributori di un certo spessore". Così, nel tempo, Ferrerolegno ha cominciato a vendere i suoi prodotti in modo selezionato in diversi Paesi europei, dalla Repubblica Ceca alla Francia, dal Belgio a Malta, da Cipro e ora in Russia.

Attiva da oltre 60 anni, l'azienda ha salde radici sul  territorio, con quasi 90 dipendenti e con un indotto – presso aziende locali che garantiscono lavorazioni di alta componentistica – che vede impegnati circa altrettanti operatori. Il fatturato 2013 dovrebbe chiudersi intorno ai 24 milioni, in linea con il 2012: "Riusciamo a mantenere le posizioni – commenta Giuseppe Ferrero – il contesto e' molto difficile: l'edilizia è ferma e inoltre siamo penalizzati dal fatto che l'installazione di porte interne non beneficia degli incentivi concessi, per esempio, nel comparto dei serramenti o dei pannelli solari". Una tenuta che si spiega anche con gli investimenti in nuovi prodotti e in tecnologia che hanno caratterizzato l'azienda specie negli ultimi anni "per stare al passo con l'evoluzione del settore".

Quest'anno Ferrerolegno ha presentato due nuove collezioni innovative. "L'innovazione, ad ogni livello della nostra impresa – spiega Ilaria Ferrero (nella foto al fondo dell'articolo), a capo della direzione operativa dell'azienda di famiglia – è un tassello importantissimo sul quale stiamo puntando per il 2014: i primi risultati li abbiamo presentati al Made Expo scorso, dove abbiamo lanciato la collezione Exit Zero, la nostra prima porta rasomuro, e Scenario, un sistema completo di pareti scorrevoli vetrate con cui siamo entrati per la prima volta in questo segmento di mercato". Grazie a quest'ultimo prodotto nello stabilimento di Magliano Alpi è stata introdotta la lavorazione del vetro e del vetro e alluminio, contribuendo anche in questo modo a mantenere il pieno utilizzo del personale. La famiglia Ferrero ha intrapreso la strada della managerializzazione dell'azienda e va in questa linea l'impegno sempre piu marcato di Ilaria Ferrero che si sta occupando dell'innovazione e dell'implementazione della strategia aziendale, relativa alla gestione e al coordinamento di azioni operative.

 Il sito di Ferrerolegno

 La photogallery

Giuseppe Ferrero

 

Ritratto_Ilaria Ferrero