Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Valagro (fertilizzanti) scommette sulla crescita agricola del Brasile e pianifica uno stabilimento a San Paolo – foto –

Valagro, l'azienda di Atessa (Chieti) attiva da oltre 30 anni e diventata leader mondiale nella produzione e commercializzazione di fertilizzanti a basso impatto ambientale (l'80 per cento del fatturato proviene dai mercati esteri) ha pianificato un investimento in Brasile di 10 milioni di euro per l’apertura di un nuovo impianto produttivo. Il progetto e' pronto, il terreno e' stato acquistato nei giorni scorsi a Pirassununga, nello stato di San Paolo, e l'insediamento sara' pronto entro il primo semestre del 2015 e in questo periodo le prime produzioni. L'azienda e' gia' presente in Brasile con una filiale, Valagro do Brasil, dal 1998, dove si e' specializzata nella commercializzazione del fertilizzante farm soprattutto per i mercati di ortaggi e fiori, ma anche nei settori caffè e agrumi, granturco, soya, pomodoro, peperoni, lattuga, melone, fragola e mela. Lo stabilimento, una volta a regime, impiegherà venti persone, fra impiegati e operai, e conterà su due linee produttive per la lavorazione e il confezionamento di biostimolanti e fertilizzanti solidi idrosolubili, con una produzione prevista intorno alle 8mila tonnellate di prodotto l’anno. "Il sito produttivo, che occuperà una superficie di 60mila mq – spiega Marco Rosso, Corporate Affairs manager dell’azienda abruzzese – sarà costruito secondo i più moderni criteri e attrezzato con tecnologie all’avanguardia che permetteranno di produrre nel pieno rispetto della salute dell’uomo e dell’ambiente".

La scelta del Brasile e' evidentemente strategica per il futuro dell'azienda di Atessa almeno quanto quelle fatte dal 2000 in poi con l'acquisizione dei bio-nutrienti dell’americana Nutrecology, specializzata in fertilizzanti speciali, degli estratti d’alga delle norvegesi Algea e Nordtang e dell’inglese Maxicrop, con le sue controllate in Australia e Nuova Zelanda, ma anche delle attivita' della francese Samabiol, con un approccio biologico all’agricoltura. Il 50 per cento del fatturato del gruppo è dato dai biostimolanti il cui componente principale sono le alghe che arrivano dalla controllata Algea in Norvegia.

Valagro ha attualmente quattro stabilimenti all'estero in aggiunta a quello di Atessa: tre in Norvegia, uno in Francia. Undici le filiali nel mondo per questo gruppo che dovrebbe sfiorare nel 2013 i 100 milioni di fatturato e un Ebitda intorno al 17 per cento (rapporto già registrato nel 2012). E' presente sui mercati di Usa, Messico, Colombia, Grecia, Spagna, Francia, Gran Bretagna, Norvegia e Nuova Zelanda, oltre che in  Brasile. Con questi presidi, e con una rete di agenti, Valagro opera su un'ottantina di Paesi tra i quali spiccano, ultimamente, Russia e Ucraina. Potrebbero essere aperte filiali in Turchia e Cina.

Ma intanto l'attenzione e' particolarmente concentrata sul Brasile. “Il via libera al progetto per la costruzione dello stabilimento a Pirassununga costituisce un passo fondamentale per la strategia di crescita di Valagro a livello globale – sottolinea Giuseppe Natale, ad del Gruppo Valagro, di cui ne e' il fondatore insieme al presidente Ottorino La Rocca (entrambi nella foto al fondo dell'articolo) – L’agricoltura è un settore storico dell’economia brasiliana e ancora oggi presenta un ritmo di crescita importante: l’export di prodotti agricoli è in continuo aumento e il settore rappresenta oggi un terzo circa del Pil. Valagro intende essere parte di questo sviluppo, mettendo a disposizione dei coltivatori le sue soluzioni”

Alla base della strategia di crescita di Valagro vi è il costante impegno in attività di ricerca e sviluppo, per le quali l’azienda investe ogni anno oltre il 4% del proprio fatturato, per una cifra che supera i 3,5 milioni di euro, e si avvale di un ampio network internazionale di enti e istituti  di ricerca.

Valagro, impiega complessivamente 330 persone, di cui 190 in Italia  e 140 nelle sue undici filiali. La costante crescita dell’azienda ha portato a una diversificazione del business, che si articola oggi in quattro grandi aree: Farm per l'agricoltura, Turf and Ornamentals per i tappeti erbosi e le piante ornamentali, Garden per il giardinaggio e Industrials per le aziende operanti nel settore dei fertilizzanti. Valagro ha,  inoltre, intrapreso lo sviluppo di prodotti a base di alghe per applicazioni nell’alimentazione umana, nella cosmetica e nella nutrizione animale.

Il sito di Valagro 

 

La photogallery

 

Natale_&_LaRocca_1