Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Salone nautico: Azimut Benetti scommette su Brasile e Sud America e sulla “vicinanza” ai mercati esteri – foto –

Azimut Benetti sta tenendo l’andatura di un maratoneta. Il responsabile marketing, Francesco Ansalone, descrive con questa immagine l'attuale momento e le strategie aziendali. Immagine che si sposa bene con uno dei claim che compaiono sul sito internet del gruppo: "Il successo premia chi guarda lontano". In questa corsa, "che richiede tempi e spazi ben diversi da quelli di una sfida sui centro metri", aggiunge, la presenza del gruppo di Avigliana (Torino) in Brasile (polo produttivo con sede commerciale e centro di assistenza con manager italo-brasiliani e con oltre 200 dipendenti locali) sta diventando sempre piu' strategica in prospettiva Mercosur (il mercato comune del Sud America): "Da Argentina, Uruguay, Cile, Peru' e altri Paesi vediamo segnali di interesse", rileva Ansalone. "Con il Brasile, dal cantiere di Santa Catarina, sempre piu' nel ruolo di hub, ci aspettiamo aumenti di valore in tutto il Sudamerica". In questa area negli ultimi tre anni il gruppo "ha venduto piu' di cento imbarcazioni e il mercato e' giunto a maturita'".

 Quello che sta avvenendo oggi e' l'esito di una scelta strategica che pesca nel 2009 quando Azimut Benetti decide di chiudere il rapporto di licensing, che durava da una decina di anni, con un costruttore locale che faceva prodotti col marchio italiano ma, per cosi' dire, brasilianizzati. "Ci siamo resi conto che proprio i clienti brasiliani – spiega Ansalone – volevano il vero made in Italy, che quello che avevano in quel momento consideravano una copia. Avevamo pensato di commercializzare direttamente col mercato brasiliano, ma c'era il problema delle barriere valutarie e dei dazi, cosi' abbiamo deciso per una presenza stabile. Ora produciamo li' quattro modelli e ci approvvigioniamo di componenti e arredi dall'Italia perche' non abbiamo ancora trovato in loco fornitori adeguati".

 L'esperienza di Azimut Benetti in Brasile ha fatto da apripista a una delle scelte strategiche che caratterizzano il gruppo in questo momento: "essere piu' vicini ai mercati di destinazione", spiega Ansalone: "Lo stiamo facendo negli Usa, con supporto commerciale e di assistenza diretti, come pure in Cina, a Shangai con Azimut e a Hong Kong con Benetti e a Dubai, sempre con Benetti". "Essere vicini ai clienti – aggiunge il responsabile Marketing – significa poter amplificare esponenzialmente la capacita' di ascolto e di risposte alle loro esigenze, entrare ancor piu' in contattato con la loro cultura, il loro modo di vivere la navigazione, ma soprattutto questa scelta ci permette di portare il calore, il gusto, la passione per i nostri prodotti e la nostra azienda e casa dei nostri clienti". Risposte che partono da un'attenzione all'italianita', come sottolinea Ansalone, "che e' fatta di estetica, gusto, di nostri materiali".

 Oggi il gruppo (valore della produzione nell'ultima stagione nautica a 600 milioni, in linea con quella precedente, 2.100 i dipendenti del gruppo) conta su una rete commerciale costituita da oltre 100 presidi nel mondo mentre sta avviando un piano strategico di sviluppo nel quale si inseriscono la nomina di un nuovo ceo, nella figura di Ferruccio Luppi, (nella foto al fondo dell'articolo) e la riorganizzazione del plant di Azimut Benetti in Italia. Il gruppo ha previsto investimenti per il miglioramento delle linee produttive (29 milioni in tre anni nel solo sito di Avigliana, pur interessato attualmente da cassa integrazione straordinaria per alcune decine di dipendenti) e del sistema informatico di tutta Azimut Benetti.

 "Nelle intenzioni del presidente Paolo Vitelli – conclude Ansalone – c'e' la volonta' di dimostrare che pur con tutte le difficolta' di sistema, si puo' fare industria in Italia". Il gruppo di Avigliana, dopo la chiusura a inizio 2013, del cantiere di Soriano di Gropparello (Piacenza) e dopo lo scioglimento della joint venture con i soci turchi, conta, oltre che sul cantiere torinese, anche sui siti produttivi di Fano, Livorno, Viareggio e Savona.

 

Il sito di Azimut Benetti

 

La photogallery

 

Ferruccio Luppi