Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Gruppo Rondine, al Cersaie più forti con gli alleati turchi – foto –

Al Cersaie 2013  (il Salone internazionale della ceramica per l'architettura e dell'arredobagno) che si apre lunedì 23 settembre a Bologna, il gruppo Rondine si presenta più forte perchè più internazionalizzato. Negli stand il pubblico potrà prendere visione dei primi frutti industriali e commerciali dell'alleanza stretta tra l'impresa di Rubiera e i turchi di Seramiksan.

Il gruppo Rondine (280 dipendenti), attivo in Italia col marchio d'azienda e con Sadon, entrambi con stabilimenti a Rubiera (Reggio Emilia), e a Sassuolo con Spy Dry, azienda che produce impasti di materie prime, dallo scorso 17 giugno ha aperto il capitale a Seramiksan (che ha acquisito quote prima detenute da fondi), dando vita a una compagine societaria paritaria, ma a guida italiana: Lauro Giacobazzi (nella foto al fondo dell'articolo), da 15 anni al vertice di Rondine (nel '98 l'aveva acquisita risollevandola dall'amministrazione controllata) è rimasto presidente e unico ad del gruppo.

L'alleanza ha risvolti molto promettenti e si inserisce in un andamento positivo del gruppo che dovrebbe chiudere il 2013 a 75 milioni (+25% sul 2012).  «Possiamo aprirci a nuovi mercati – dice Giacobazzi – non solo Turchia, ma anche Iran e altri Paesi. Il nostro partner industriale conta su 200 negozi di proprietà e in franchising e questo ci permette di inserire le nostre collezioni e di aumentare la competitività. Si apre per noi un mercato che vale 190 milioni di metri quadrati di prodotto, più di quello di Germania e Francia messi insieme. Inoltre ci possiamo avvalere, noi e i turchi, di forti sinergie. Noi col know-how e la tecnologia, loro con nuovi mercati».

Rondine, attualmente con un export intorno al 70% rispetto al fatturato complessivo ricavato da vendite soprattutto in Usa, Russia, Francia, Germania e Medio Oriente, conta di aumentare la quota all'estero. Un risultato che è atteso anche in vista dell'impianto turco che entrerà in funzione tra sei mesi a Smirne, per la realizzazione di formati grandi. I turchi portano nell'offerta di Rondine la loro forza nel prodotto levigato, che si aggiunge alla specializzazione del gruppo italiano negli esterni e nelle piastrelle lignee (la cosiddetta foresta di gres), con la decorazione in digitale e i formati da pressa e non da taglio. E con la sua ben nota offerta di battiscopa.

 

Il sito di Rondine

 

 La photogallery

 

P1010905 (2)