Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Barbero, quei “Baci di Cherasco” che fanno tanto impazzire russi e giapponesi… – foto –

A Mosca e fuori dalla capitale, a Tokio come in Svizzera e in Austria e, chissà, presto, forse anche in Germania in modo stabile: i "baci di Cherasco" della Premiata Confetteria e pasticceria "Cioccolato Barbero", da 132 anni attiva a Cherasco (in provincia di Cuneo) fanno letteralmente impazzire. Alla base hanno una fine miscela di cioccolato fondente, con il 60% di massa di cacao, amalgamato con le nocciole del Piemonte (zona delle Langhe) tostate secondo un'antica ricetta e frantumate grossolanamente. Le cose vanno così bene per questa dolcezza del palato che l'export della ditta cuneese rappresenta quasi ormai il 30 per cento del fatturato complessivo. E pensare che – sottolinea il titolare, Giancarlo Torta (nella foto al fondo dell'articolo) – "abbiamo cominciato a puntare all'estero da soli tre anni. Tutto è cominciato partecipando alle principali fiere internazionali dell'alimentare. E lì abbiamo stretto i primi contatti".

Tre anni che hanno dato nuova energia a un locale storico come la pasticceria "ideata" da Marco Barbero in via Vittorio Emanuele 74, sotto i portici, nel 1881. "A Tokio – spiega Torta – c'è un piccolo negozio che vende i nostri prodotti e che si chiama per l'appunto Barbero Tokio. Offre alla sua clientela il nostro cioccolato, fa il caffè e produce gelati ai gusti baci di Cherasco, nocciola, cioccolato e crema forniti da noi". Ma le più grandi soddisfazioni arrivano da Mosca e dintorni dove le delicatesse di Barbero sono in vendita presso una catena commerciale che conta 54 negozi. "Andiamo molto bene anche in Svizzera e in Austria – aggiunge Torta – per questi mercati siamo legati a uno stesso distributore che ha realizzato importanti iniziative promozionali, anche editoriali, con una selezione di prodotti e produttori" del comparto alimentare. La pasticceria cheraschese sta cercando, nel frattempo, di aprire un nuovo sbocco, la Germania: "Ci stiamo muovendo verso questo Paese contattando direttamente i negozi locali; cerchiamo qualcosa di stabile e continuativo rispetto alle attuali sporadiche forniture".  E a ottobre Torta sarà a Praga tra gli aderenti alla missione organizzata da Cna Torino con l'iniziativa "I love IT".

Oltre ai baci di Cherasco, all'estero, tra i prodotti della pasticceria Barbero, stanno piacendo molto anche i "Tartufi elite", con morbido interno al gianduia e ricoperto con una friabile granella di fava di cacao tostata. In Austria sta andando molto bene un preparato di Barbero per la cioccolata calda.


Baci e tartufi sono i portabandiera di un'azienda che tra pasticceria e attività esterna del laboratorio ha sfiorato nel 2012 gli 800mila euro: 400mila dal locale a Cherasco, in sostanziale pareggio con l'andamento del 2011, e quasi altrettanti per il resto dell'attività, con una crescita del 7-8 per cento rispetto al 2011. In azienda lavorano, oltre al titolare, altre sette persone. Giancarlo Torta, pur mantenendo le antiche ricette da Marco Barbero in poi, nei quindici anni in cui ne è diventato il continuatore, ha rinnovato tutto. A partire dal locale che ospita la pasticceria, dichiarato "locale storico d'Italia". Con le vetrine sotto le arcate armoniche dei portici di Cherasco, si offre al visitatore con i suoi legni biondi, i vetri smerigliati recanti le scritte Caffè nero e Birra di Vienna e i marmi rossi. Un ambiente liberty che offre nelle vetrine e nei vasi di vetro antico coperchiati, bignole, paste secche, torte, torroni, cioccolatini, caramelle e tanti altri "bombi", come si dice da queste parti. Qui, quasi ogni week end passava il giovane Giancarlo Torta, di professione gestore di un self service a Torino, originario di Cherasco, per fare il pieno di dolcetti per la settimana. Un giorno, quasi per scherzo, domanda alle proprietarie Lidia e Luciana, terza generazione della famiglia di Marco Barbero, "quand'è che vendete il locale?". Ci pensarono e scelsero proprio lui. Il perché glielo rivelarono dopo: "Non ero del mestiere, avrei proposto le ricette della pasticceria proprio come erano nate". Le cose migliori, commenta Torta, "nascono quasi sempre dal caso…".

Il sito della pasticceria Barbero

La photogallery

 

2694 ok