Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Il beachwear di Fisico alla conquista del mondo, per vocazione e necessità

   Dire che il brand "Fisico" (beachwear e abbigliamento mare pret-a-porter di alta gamma, abiti total look da cocktail e da sera) abbia una vocazione internazionale sembra essere un'ovvietà. Perché, a ben vedere, è  un viaggio in Brasile a trasformare la creatività di Cristina Ferrari, stilista veneta ma torinese d'adozione – affascinata, come dice lei stessa, dalla sartorialità del made in Italy -  e a portarla a concepire, all'inizio degli anni 90, i suoi primi modelli di costumi da bagno che si ispirano alla sensualità e ai colori brasiliani. Linee con un forte, ma sempre elegante, sex-appeal. Un  mix di eleganza italiana e fisicità brasiliana, e il gioco è fatto. Fisico compare nel mondo del beachwear con due innovazioni, poi adottate dalle più grandi griffe: impiego della microfibra e doppiatura del tessuto, con eliminazione delle cuciture esterne. In oltre vent'anni di attività la Crisfer di Cristina Ferrari (nella foto, in una delle ultime sfilate) si è posta in luce come un'azienda dalla dimensione e dalla diffusione nazionale (oltre 150 i punti vendita selezionatissimi), ma con una vocazione ai mercati esteri sempre piu' spiccata (conta su una cinquantina di negozi, oggi), al punto che nell'arco delle prossime due stagioni si prefigge di arrivare al fifty-fifty tra vendite domestiche e oltreconfine (contro l'attuale 20% di export sul fatturato complessivo).

Da quest'anno, dunque, Fisico si lancia alla massiccia conquista dei mercati esteri. A dire il vero già oggi il glamour e la qualità dei costumi della Crisfer sono apprezzati all'estero: Francia, Russia, i Paesi dell' ex Urss, e poi Medio Oriente, Arabia Saudita e Libano, come spiega l'ad Mario Bergamini, sono aree di grande affermazione del marchio. "La sfida che abbiamo deciso di affrontare è migliorare le performance – dice l'ad – per raggiungere nuove partnership con importatori e distributori in tutto il mondo per un salto di qualità della nostra dimensione internazionale. Stiamo selezionando gli  interlocutori più adatti al nostro target. Russia e i Paesi dell'ex Urss sono le priorità che Crisfer si è imposta; e poi Germania, Austria, Benelux, per arrivare infine agli Usa. Abbiamo moltissime richieste. E' un processo che potrebbe portarci ad aprire nuovi negozi". Il mercato italiano mostra sofferenze anche nel target, altissimo, dei rivenditori Fisico, e l'estero diventa, quindi, una frontiera decisiva per l'azienda torinese che, anche grazie ai buoni risultati delle quattro boutique monomarca di Capri, Milano, Portorotondo e Torino e presenze d'eccellenza a Saint-Tropez, Montecarlo, Dubai, Beirut e Mosca, ha tenuto stabile il fatturato nel difficilissimo 2012 (a 5,6 milioni) dopo il massimo dei ricavi raggiunto nel 2011 con oltre 6 milioni di fatturato . Motivo di soddisfazione per i dieci dipendenti diretti e la struttura produttiva esterna interamente dedicata alla produzione dei capi Crisfer, in Lombardia, che da sempre realizza i capi concepiti da Cristina Ferrari. Altre produzioni sono realizzate in Tunisia. Sfilate con top model, campagne stampa sulle maggiori riviste di moda e collaborazioni con fotografi di rilievo internazionale sono gli altri ingredienti di un'azienda che da sempre guarda oltreconfine.

Il nuovo sito di Fisico

 photogallery

 

SFILATA PE12