Indica un intervallo di date:
  • Dal Al
laudemio

Olio Laudemio, ventuno aziende toscane, consorziate, bussano alle porte di nuovi mercati esteri

Si avvicina ai trent’anni di attività (nel 2018) il marchio Olio Laudemio – frutto del consorzio che attualmente raccoglie 21 aziende agricole fiorentine con i propri cru olivicoli storici – e ora vuole proporsi sempre di più sui mercati esteri, forte di una vocazione internazionale dimostrata in questi anni soprattutto con le vendite negli Stati Uniti e in Giappone. L’export dell’olio extra vergine Laudemio nei due Paesi rappresenta già il 65% dei volumi su un fatturato complessivo annuo che si aggira su 1,8 milioni di euro. In Europa Laudemio è venduto, in particolare, nel Regno Unito e in Germania.

Si tratta di una quota di export che può ulteriormente crescere. Un esempio arriva da una delle 21 aziende consorziate, la Marchesi Frescobaldi, di Firenze, che con Vittorio Frescobaldi, nel 1988, diede avvio a questo primo organismo italiano costituito da privati, con lo scopo di evidenziare la più alta qualità e tipicità dell’arte olearia toscana. “Oltre a Giappone e Stati Uniti – spiega la ceo retail & restaurant dell’azienda fiorentina, Diana Frescobaldi, attuale presidente del consorzio Laudemio (nella foto)

img_8603-copia

– stiamo allargando i nostri orizzonti di vendita”. La Frescobaldi con il suo Laudemio – ogni azienda agricola consorziata produce un suo specifico Laudemio con l’eccellenza del proprio raccolto –  sta già operando su nuovi mercati, come Cina, Australia, Taiwan e, più vicino a noi, anche in Russia, Lituania, Serbia, Irlanda. In Sud America, persino in Perù.  Come la Frescobaldi – assicura la presidente – anche le altre aziende consorziate sono impegnate a cercare nuovi mercati oltreconfine. “Del resto – sottolinea – se guardiamo solo i dati di fatturato della nostra sola azienda, il mercato Italia rappresenta appena il 20% delle vendite”.

L’olio Laudemio è venduto principalmente a grandi ristoratori e store che propongono all’estero le eccellenze agroalimentari nostrane. Il Laudemio fece la sua comparsa sul mercato italiano l’anno successivo la fondazione del consorzio, con le prime 50mila bottiglie. Negli ultimi dieci anni la produzione ha seguito un trend di crescita regolare, attestandosi sulle 135mila bottiglie l’anno, destinate alla ristorazione di alto livello (in Italia e all’estero), alle enoteche e alle gastronomie.

www.laudemio.it

Il marchio Laudemio – sottolinea Diana Frescobaldi – nacque dall’esigenza di garantire ai consumatori un olio di qualità superiore. Di fronte alla standardizzazione del prodotto determinata dall’allora semplice classificazione merceologica, i produttori del Laudemio – sotto l’impulso di mio padre –  decisero di proporre sul mercato un olio che fosse in grado di esaltare tutte quelle caratteristiche organolettiche che derivano dai micro-ambienti delle singole fattorie, dai cultivar di lunga tradizione toscana e dalle tecniche di produzione affinate in secoli di esperienza”.

olivenbäume in der toskana

olivo

champ d'oliviers

“Le aziende che desiderano produrre olio con il marchio Laudemio – spiegano al consorzio fiorentino –  devono associarsi e assoggettarsi a un severo protocollo. Le rigide norme di produzione prendono in esame il terreno e indicano con precisione le cultivar più idonee, i sistemi di coltivazione e tutte le pratiche legate a raccolta, frangitura, imbottigliamento e conservazione”.

Nipozzano (FI), raccolta olio Laudemio

laudemio_4

Nipozzano (FI), spremitura olio Laudemio

Nipozzano (FI), spremitura olio Laudemio

Nipozzano (FI), spremitura olio Laudemio

Nipozzano (FI), spremitura olio Laudemio

I produttori di Laudemio rappresentano attualmente 2.300 ettari di terreno destinato all’olivicoltura pari a circa 100mila piante. La produzione totale è di 2.400 quintali di olio di oliva, da cui vengono selezionati all’incirca 650 quintali di Laudemio. “Ciò che rende unico nel gusto e nelle proprietà nutritive il Laudemio – spiega la presidente Frescobaldi –

img_8606-copia

è il vasto e articolato corredo di molecole antiossidanti. Queste molecole incidono in profondità anche sull’aspetto, sul gusto e sui profumi dell’olio, definendone il carattere e la personalità. Il nostro olio è compagno ideale dell’alta gastronomia, è potente, prezioso, prelibato, ed è ricco di intensi polifenoli e di fragranti sostanze aromatiche”.

Sin dagli inizi il consorzio ha dato molta importanza alla veste con cui presentare e offrire il suo olio. La scelta di una bottiglia a sezione ottagonale, allora inedita per un olio, venne fatta per sottolineare e rafforzare l’eccellenza del Laudemio. Il modello, depositato dal consorzio, si ispira al design retrò delle bottiglie di profumo francesi: le sfaccettature e il vetro trasparente esaltano il colore e i luminosi riflessi dell’olio. I produttori utilizzano, così, un’unica bottiglia e un’unica etichetta nella quale è indicato il marchio e la singola azienda che ha realizzato l’olio.

Bottiglia, etichetta e, soprattutto, il contenuto di eccellenza che il marchio Laudemio propone con le sue 21 aziende agricole, sono al centro di un Premio che porta il nome del brand e che sta coinvolgendo importanti chef dell’alta gastronomia. “Si tratta di un progetto – dice la presidente Frescobaldi – che nasce dalla volontà di trasmettere agli chef i nostri valori per spiegare loro non solo la qualità dell’olio Laudemio, ma soprattutto come noi arriviamo a questa qualità, quali sono le scelte che facciamo, dalla campagna all’imbottigliamento, sino alla conservazione. Nella creazione di un grande piatto l’ingrediente principale è la creatività dello chef, il suo genio, ma un grande piatto non può prescindere dalla qualità delle materie prime utilizzate”.

Il concorso, presieduto da Fausto Arrighi, critico gastronomico di lungo corso e direttore della Guida Michelin per 35 anni (sino al 2012) si svolge lungo tutto quest’anno e prevede otto cene in altrettanti e prestigiosi ristoranti italiani di sette città (a Milano si svolgeranno due serate).  Il viaggio è cominciato a Roma, il 25 gennaio, con la serata al Ristorante Aroma guidato dallo chef Giuseppe Di Iorio, ed è proseguito il 15 febbraio a Bologna con lo chef Agostino Iacobucci, del Ristorante I Portici. Il primo marzo è toccato al Ristorante Ora d’Aria, a Firenze, con lo chef Marco Stabile. Lo scorso 14 marzo il concorso è approdato a Torino, al Ristorante Magorabin, con lo chef Marcello Trentini. Quinto appuntamento, poi (data da destinarsi) a Milano, con lo chef giapponese Nobuya Niimori, del Ristorante Sushi B, che interpreterà il Laudemio con la propria cucina. L’11 maggio, inoltre, si svolgerà la tappa partenopea al Ristorante Il Comandante (dell’Hotel Romeo di Napoli) guidato dallo chef Salvatore Bianco. Ultimi due appuntamenti, il 25 maggio, ancora a Milano, con lo chef Andrea Aprea, Executive al Ristorante Vun (dell’Hotel Park Hyatt), e il 7 giugno, a Venezia, con la serata organizzata all’Antinoo’s Lounge & Restaurant (del Centurion Palace Hotel) con lo chef Chef Massimo Livan. Al termine delle otto “tappe”, la giuria eleggerà i tre piatti finalisti e i tre chef verranno chiamati a preparare le rispettive creazioni in occasione di una cena di gala (a Milano il prossimo autunno) che vedrà la Giuria eleggere il vincitore assoluto della prima edizione del Premio Laudemio.

Nipozzano (FI), spremitura olio Laudemio

 

Nipozzano (FI), spremitura olio Laudemio

Ecco qui di seguito le 21 aziende aderenti al consorzio e i loro riferimenti.

AZIENDA AGRICOLA CASA DI MONTE di Andrea Simoncini

Via del Monte 6 – Fraz. Ortimino – 50025 Montespertoli (FI)

Tel. 0571/609903 – Fax 0571/608161

www.casadimonte.it      e-mail: casadimonte@casadimonte.it

 

AZIENDA AGRICOLA CASALE di Falchini R.M. e C.M.

Loc. Casale – 53037 San Gimignano (SI)

Tel. 0577/941305 – Fax 0577/940819 www.casale-falchini.com       e-mail: info@falchini.com

 

AZIENDA AGRICOLA COLOGNOLE

di Gabriella  Spalletti Società Agricola a r.l.

Via del Palagio n. 15 – 50068 Rufina (FI)

Tel. 055/8319870 – Fax 055/8319605 www.colognole.it       e-mail: info@colognole.it

 

AZIENDA AGRICOLA FERRALE di Franco Bianconi

Via di Anchiano n. 58 – 50059 Vinci (FI) Tel.  0571/56353 – Fax 0571/568542

e-mail: agricola@villaferrale.it

 

 AZIENDA AGRICOLA FRANCESCO MIARI FULCIS

Via Benedetto da Maiano 11 – 50014 Fiesole (FI)

Tel. 055/599600 – Fax 055/599640

www.fattoriadimaiano.com       e-mail: agricoltura@contemiarifulcis.it

 

BARONE DE RENZIS SONNINO S.a.r.l.

Castello di Sonnino

Via Volterrana Nord n.6/A- 50025 Montespertoli (FI)

Tel. 0571/657481- Fax 0571/657027

www.castellosonnino.it       e-mail: info@castellosonnino.it

 

CONTE FERDINANDO GUICCIARDINI

Podere La Costa

Via Fezzana n. 45 – 50025 Montespertoli (FI)

Tel. 055/82315 – Fax 055/82368

www.conteguicciardini.it        e-mail: info@conteguicciardini.it

 

FATTORIA DI GRIGNANO

Via di Grignano 22 – 50065 Pontassieve (FI)

Tel.  055/8398490 – Fax 055/8395940

www.fattoriadigrignano.com       e-mail: info@fattoriadigrignano.com

 

FATTORIA I BONSI

Via I Bonsi 47 – 50066 Reggello (FI)

Tel.  055/8652118 – Fax 055/8652956

www.agriturismoibonsi.it      e-mail: info@agriturismoibonsi.it

 

FATTORIA LE SORGENTI di Gabriele Ferrari

Via di Docciola 8 – 50012 Bagno a Ripoli (FI)

Tel.  055/696004

www.fattoria-lesorgenti.com      e-mail: info@fattoria-lesorgenti.com

 

FATTORIA SAN MICHELE A TORRI S.r.l.

Via San Michele 36 – 50020 Scandicci (FI) Tel. 055/769111 – Fax 055/769191

www.fattoriasanmichele.it      e-mail: info@fattoriasanmichele.it

 

 GONNELLI 1585 S.r.l.

Via E. De Nicola 41 – 50066 Reggello (FI)

Phone 055/868117 – Fax 055/869142 www.gonnelli1585.it       e-mail: info@santatea.it

 

 IMPRESA ENOAGRICOLA S.r.l.

Via Barberino n. 5 – 50021 Barberino V.E. (FI) Tel. 055/8075019 – Fax 055/8075402

www.pasolinidallonda.com      e-mail: info@pasolinidallonda.com

 

 MARCHESI ANTINORI S.r.l.

Piazza Antinori n. 3 – 50123 Firenze Tel. 055/23595 – Fax 055/2359877

www.antinori.it       e-mail: antinori@antinori.it

 

MARCHESI  FRESCOBALDI Società Agricola S.r.l. Via Santo Spirito n. 11 – 50125 Firenze Tel. 055/27141 – Fax 055/2714101

www.frescobaldi.it       e-mail: info@frescobaldi.it

 

PETROLO Società Agricola

Via Petrolo n. 30 – 52020 Mercatale Val d’Arno (AR) Tel. 055/9911322 – Fax 055/992749

www.petrolo.it       e-mail: petrolo@petrolo.it

 

SOCIETA’ AGRICOLA CANNETA SRL

Azienda Agricola I Mori

Via Maremmana n. 22 – 50022 Lastra a Signa (FI) Tel. 055/8784452 – Fax 055/8784651

www.i-mori.it      e-mail: i-mori@i-mori.it

 

SOCIETA’ AGRICOLA LE DRIADI S.r.l.

La Palagina

Via Norcenni  n. 21- 50063 Figline V.no Tel. 055/9502029 – Fax 055/952001

www.palagina.it        e-mail: info@palagina.it

 

TENUTE RUFFINO  S.r.l.

Via Poggio al Mandorlo n. 1 – 50011 Quarate Bagno a Ripoli (FI)

Tel. 055/6499711 – Fax 055/6499700 www.ruffino.com          e-mail: santedame@ruffino.it

 

TENUTA BOSSI

Via dello Stracchino  n. 32 – 50065 Pontassieve (FI) Tel. 055/8317830 – Fax 055/8364008

e-mail: tenutabossi@gondi.com

 

TENUTA DI CANTAGALLO E LE FARNETE di Dario Pierazzuoli & C. Saas

Via Valicarda n. 35  – 50056 Capraia Fiorentina (FI)   Tel. 0571/910078

www.enricopierazzuoli.com       e-mail: info@enricopierazzuoli.com