Indica un intervallo di date:
  • Dal Al
mde

Giordano Vini, sempre più estero anche con le vendite digitali dal produttore al consumatore

A sentirli raccontare sembra non sia cambiato nulla. Sono solo cambiati gli strumenti. Sessant’anni fa Ferdinando Giordano – figlio di quell’altro Ferdinando che a inizio secolo aveva fondato l’azienda diventata nota per aver inventato le vendite di vini per corrispondenza – era andato da Alba a Milano e, da lì, da una cabina telefonica, aveva cominciato a proporre i suoi vini ai cittadini meneghini utilizzando l’elenco telefonico. Per servirli si era appoggiato alle Poste italiane, con un accordo che è stato celebrato proprio quest’anno anche con un annullo filatelico.

Ai già consolidati sistemi per fare incontrare produttore-consumatore in modo diretto, senza intermediari (questa l’idea originaria e pure quella messa in pratica oggi), e cioè le proposte di acquisto per corrispondenza e le chiamate da call center, si è aggiunto da diversi  anni il canale e-commerce. La novità è che Giordano Vini ha previsto nuove strategie per puntare con questo strumento a raccogliere sempre più clientela estera e quindi a internazionalizzare maggiormente il suo business. Lo assicura Giuseppe Sibilla (nella foto qui sotto), direttore generale della Casa vinicola albese: “Il canale online è già e sarà sempre di più specializzato sulla base delle specifiche esigenze e preferenze dei consumatori del singolo mercato estero. Già oggi le nostre proposte online sul mercato britannico, per esempio, sono particolarmente battagliere sul versante dei prezzi. Ogni singolo Paese viene seguito e servito specificamente”.

dav

Packaging, contenuti delle proposte di acquisto, prezzi e soprattutto la qualità: sono i “valori” che continuano ad accomunare tutta la strategia di vendite di Giordano Vini in Italia e all’estero, ancora di più a quasi due anni esatti dalla nuova avventura che ha segnato una svolta per l’azienda di Valle Talloria: l’ingresso nel primo gruppo vinicolo italiano ad essersi quotato in Borsa con il nome di Italian Wine Brands, che aggrega la società albese e la Provinco Italia di Rovereto. La quotazione di Iwb sul mercato Aim Italia è avvenuta il 29 gennaio 2015 a seguito dell’operazione promossa dall’innovativa pre-booking company Ipo Challenger.

“Iwb – Come spiega il Presidente Mario Resca (nella foto qui sotto) – rappresenta oggi il sesto gruppo italiano del settore, escluse le cooperative, con un fatturato complessivo, a fine 2016, che si prevede aggirarsi intorno ai 150 milioni, di cui circa cento provenienti dalle vendite di Giordano Vini e circa 50 dall’attività di Provinco Italia”. Le due realtà presidiano già in modo significativo i mercati oltreconfine.

dav

“Giordano Vini – sottolinea Sibilla – vende all’estero ormai il 60% dei suoi 25 milioni di bottiglie, dove sfocia invece il 100% dell’attività di Provinco, diretta alle catene della Gdo internazionale. Provinco vende soprattutto in Germania, Svizzera, Gran Bretagna e Paesi scandinavi. Giordano Vini presidia saldamente l’Europa, specialmente Germania, Svizzera, Francia, Inghilterra, Austria, Svezia e Belgio. I nostri vini sono apprezzati in Usa e anche in Cina, ma si tratta di mercati su cui dobbiamo potenziare la nostra azione. Il canale online è, a questo riguardo, uno strumento tutto da giocare. Attualmente il fatturato di questo canale è di 8 milioni di euro, una cifra che – ancorché contenuta in valore assoluto – si rivela promettente perché cresciuta di anno in anno di circa il 30 per cento e di tutto riguardo rispetto agli altri operatori domestici attivi sul canale”.

“Provinco e Giordano Vini- rileva Alessandro Mutinelli, ceo di Provinco Italia e e della Casa vinicola albese (qui sotto nella foto) – hanno una forte presenza nei mercati internazionali, caratterizzati da una dinamica di consumo positivo. La forza di Iwb è di proporsi al mercato con un’offerta differenziata che copre tutto l’assortimento italiano nei canali B2B e B2C. La nostra piattaforma di e-commerce, già leader del settore in Italia, ha prospettive di crescita promettenti sui mercati internazionali.
L’attenzione alla qualità del prodotto ci ha premiato con numerosi premi internazionali che consolidano la nostra proposta commerciale”.

alessandro-mutinelli

Il gruppo Iwb dà lavoro complessivamente a poco più di 220 persone, tra le sedi di Giordano Vini a Valle Talloria a Diano d’Alba,

azienda-giordano

il centro logistico di Cherasco, anche questo in provincia di Cuneo, il polo produttivo pugliese a Torricella (Taranto) e la sede di Provinco Italia a Rovereto, nel Trentino. Le consegne dei prodotti vengono garantite nell’arco di 72 ore, isole comprese. “Il passo che due anni fa abbiamo compiuto – sottolinea il presidente Resca – è stato essenziale per fare massa critica e dare vita a una realtà competitiva per qualità e costi, in un settore caratterizzato da grande polverizzazione di imprese. Solo una scelta di questo tipo può dare forza all’internazionalizzazione”.

I vini piemontesi e pugliesi proposti dal gruppo all’estero trovano grande apprezzamento, specie i rossi corposi. Di grande successo, però, anche i prosecchi. Giordano Vini – a differenza di alcuni luoghi comuni – è nel suo Dna un’azienda produttrice e, con il crescere delle vendite, è diventata impresa selezionatrice di vini da tutt’ Italia che vengono prodotti a Valle Talloria e a Torricella. “Abbiamo creato una rete di conferitori di fiducia, gente di vigna come noi – spiegano a Valle Talloria – e con le uve e i loro mosti, con la nostra esperienza e le nostre strutture all’avanguardia abbiamo iniziato a produrre di più, scegliendo con attenzione il meglio della viticoltura nazionale. In Piemonte la tradizione del fare vino è radicata, ma in tutta Italia si vinificano eccellenze: solo a quelle che abbiamo apprezzato di più garantiamo l’etichetta Giordano”.

Le Cantine di invecchiamento, in Valle Talloria, sono il cuore storico della Giordano. Qui, infatti, si sono svolte per più di cento anni tutte le attività: vinificazione, invecchiamento, imbottigliamento, confezionamento, magazzino e spedizioni. Col tempo, molte di queste attività si sono spostate negli edifici che circondano le Cantine storiche, nelle cui sale sono oggi ospitate esclusivamente le grandi botti e le barriques – più di mille – nelle quali maturano i grandi vini rossi da invecchiamento.

dav

Da alcuni anni, credendo nella grande qualità dei vini pugliesi, le Cantine Giordano vinificano in quelle di proprietà a Torricella, direttamente nel cuore della tradizione vinicola locale; vini importanti, tra cui il Primitivo e il Negroamaro.

dav

 

dav

 

http://www.giordanovini.it

http://www.provincoitalia.com

http://www.italianwinebrands.it

Tags:
  • vampo nunzio antonio |

    salve mi chiamo vampo nunzio antonio o una vinoteca e prosciutteria a cardito in via s.antonio 10 napoli sono interessato ai vostri prodotti per contatti 3318711054

  • ELVIO MENZIETTI |

    Io mi autoauguro di poter avere collaborazione con la Sua Azienda. Per il momento esporto gamma vasta di prodotti ittici, salse di pese, sughi, e tante altre… poi, caffe’ di alta qualita Italiana, pasta che Obama ha pagato di circa 80 gr, il ristorante gli ha fatto pagare 45 $, perche’ tutto di ALTA QUALITA’

  Post Precedente
Post Successivo