Indica un intervallo di date:
  • Dal Al
brindisi

Andrea Carubìa, da Cianciana (Agrigento), lo scultore marmista con la testardaggine di voler vendere nel mondo

Andrea Carubìa, 53 anni, marmista scultore, scherza ed è ironico con sè stesso quando ricorda che a Cianciana, bel paese collinare dell’Agrigentino, l’appellativo “testa di Carubia” definisce una persona testarda e volitiva. E lui lo è di sicuro.

carubia117-683x1024

Perché, con caparbietà, sta portando avanti un progetto di internazionalizzazione della sua piccola impresa artigiana (sono in cinque, oggi, ma lavorano in un ambiente molto ampio, come richiede l’utilizzo del marmo: 3mila metri quadrati coperti, con laboratorio e magazzino).

carubia079

carubia081

Andrea è appena tornato da Londra dove ha realizzato per conto di un artista Lee Simmons e la collaborazione dell’architetto Salvatore Scimeca in qualità di collaboratore un monumento dedicato alla memoria dei caduti della I guerra mondiale. “Per noi è un trampolino di lancio assoluto”, dice Carubìa.

partenza

monumento-1

monumento-2

Ma la testardaggine è all’origine anche della nascita stessa della sua azienda, inizio datato 1995, quando, Andrea, si distacca dal laboratorio di marmista scultore del papà, Benedetto, e si mette in proprio. Dal papà ha imparato il mestiere, sin da quando ha lasciato gli studi superiori per lavorare con lui. L’eredità professionale l’ha assorbita completamente e, nel ’95, appunto, Andrea vuole mettersi in gioco da solo, vuole riconquistare e innovare ciò che ha acquisito con le sue idee e le sue intuizioni. Comincia, così, con un piccolo laboratorio, ma nel 2006 fa il salto e compra l’area in cui opera attualmente. Il suo rapporto con il marmo è speciale: “Nei miei primi anni in cui mi sono avvicinato a questo lavoro, (da ragazzino) – ricorda – riuscivo a percepire dalla pietra che maneggiavo solo freddezza, ma poi a man a mano che andavo avanti con le mie esperienze lavorative, sempre più riuscivo a scendere nel profondo di questa materia, fino al punto, che me ne sono innamorato. Non esagero: adesso la vedo come qualcosa che riesce a trasmettere emozioni e questo mi piace, perchè quando alla fine di ogni lavoro l’emozione arriva al cliente, il mezzo di comunicazione è solo il marmo o la pietra assieme alla nostra artigianalità. Allora lavorare questa materia diventa meraviglioso”.

L’azienda, che si chiama “I marmi e le pietre”, lavora il marmo su progetti specifici in campo edile: rivestimenti per caminetti, scale, piani cucina e altri ambienti domestici, e ha una diffusione prevalentemente locale, nell’Agrigentino e nelle province di Trapani e Palermo. Ma il desiderio di “pensare in grande” e di uscire dai confini siciliani è coltivato da tempo. Carubìa, non a caso, ha partecipato con marmoexpert,un associazione di aziende del settore sia alla fiera di Verona Marmomac ma anche a Bologna al Saie ha sfruttato al meglio l’occasione per “sbarcare”con un suo lavoro in Gran Bretagna e ha avviato rapporti che potrebbero avere sviluppi interessanti con operatori del Qatar, Paese dove il mercato dell’edilizia è forte. Anche perché l’azienda di Andrea Carubìa, nella quale lavorano pure i figli Benedetto (26 anni) e Salvatore (23), ha tra le mani un vero e proprio asso nella manica: un sistema innovativo di marmo alleggerito, che si presta molto bene a ogni forma di utilizzo del marmo, anche per fare mobili, e, per la sua leggerezza, è facile da trasportare e quindi, anche da esportare.

Nel sito di “I marmi e le pietre”Andrea Carubia, spiega così questa “rivoluzione”: “Sono sicuro che qualche volta hai pensato di utilizzare per i tuoi progetti, il marmo, ma un minuto dopo pensi a tutte le difficoltà: pesa tantissimo, si può rompere facilmente, costa tanto, è difficile da pulire. Ma ora con la soluzione del marmo alleggerito si risolvono svariate problematiche, dalla praticità all’utilizzo, dal contenimento dei costi all’unicità di questo nuovo sistema. Con questo sistema il marmo ha leggerezza e praticità: 19 chilogrammi per metro quadrato, un terzo del peso di una lastra di marmo a 2 centimetri di spessore. I fattori a trarne beneficio, sono la messa in opera, il trasporto, il sistema d’imballaggio e la gestibilità degli elementi da realizzare in termini di realizzabilità”.

Il sito dell’azienda

 

12165507_1627420710858683_1480606334_o-300x253

img_6794-1020x1024

img_6839-1024x683

Si tratta di un sistema importante per pavimentazioni e rivestimenti, in generale perché permette la realizzazione di ogni tipo di oggetto, superando il limite fino ad oggi rappresentato dal peso o dalla resistenza, con la possibilità di utilizzare grandi formati senza problemi di rottura. “Il nuovo sistema di marmo alleggerito – aggiunge Carubìa – rappresenta un grande fattore di economicità, dal 20% al 40% relativamente al tipo di marmo. E c’è poi la caratteristica dell’unicità: altri prodotti similari utilizzano supporti rigidi. In genere: nido d’api di alluminio, vetro, pannelli plastici, oppure altre soluzioni. La nostra tecnica, ecosostenibile, utilizza un composto a base cementizia costituito da una parte in marmo che ha uno spessore di 6 millimetri e una struttura a sandwich da 3, che è formata da due stuoie in fibra di vetro e una seconda parte in malta cementizia formata per il 10% da un mix di cemento e additivi chimici e un 90% polveri derivanti dalla lavorazione dello stesso marmo. A me che ho sempre lavorato il marmo, questo sistema ha stravolto il modo di concepire lo stesso marmo”.

L’azienda di Andrea Carubìa chiuderà il 2016 con un fatturato in crescita, ed è da tre anni sempre in crescita di vendite, e svolge anche un ruolo di guida nel settore marmo in Italia. Infatti l’azienda è protagonista di MarmoExpert, il primo ente autonomo di certificazione marmisti di qualità, che raccoglie attualmente una cinquantina di aziende in tutt’Italia allo scopo di rafforzare il peso di rappresentanza della categoria. Attivo da circa un anno, dal prossimo gennaio, MarmoExpert si costituirà come consorzio con l’obiettivo di sostenere le imprese in un progetto di internazionalizzazione.

benitorosone_2

carubia017-1024x683

carubia034-683x1024

carubia117-683x1024

carubia110-1024x683

carubia125-683x1024