Indica un intervallo di date:
  • Dal Al
perdormire 2

Materassificio Montalese e il brand “PerDormire”: da Pistoia la “via del riposo” verso il Far East

C’è anche una “via del riposo” – dall’Italia verso il Far East, parafrasando la più famosa “via della seta”. E’ quella che si stanno aprendo importanti aziende italiane produttrici di materassi come la pistoiese Materassificio Montalese, in particolare con il suo marchio premium “PerDormire”, che ha puntato a commercializzare i suoi prodotti in Corea del Sud, Taiwan e pure in Cina. Ma senza dimenticare di presidiare gli oltre 40 mercati esteri che l’azienda è riuscita ad assicurarsi soprattutto dagli anni 90 in poi facendo dell’internazionalizzazione una vera e propria vocazione.

A sottolinearlo è Paolo Luchi,

Luchi

direttore commerciale e marketing dal 2000 (e coordinatore del gruppo Riposo Salute, iniziativa di promozione della cultura del riposo in seno all’organizzazione dei sistemi per dormine in FederlegnoArredo) presente da oggi all’European bedding industries’ association (Ebia) che si tiene fino a domani a Berlino al Kempinski Hotel Bristol.

Un’azienda in salute quella di Pistoia, che è in continua cresciuta in termini di fatturato: le vendite che dovrebbero chiudersi a 60 milioni quest’anno in confronto ai 55 del 2015 ai 54 del 2014. Nel 2008 l’azienda fatturava 37 milioni: il paragone mostra bene come il Materassificio Montalese sia cresciuto in questi anni in un contesto – fa notare Luchi – che ha manifestato sofferenze.

Successi che non lasciano però troppo entusiasmi a Pistoia, perché l’azienda piange ancora la scomparsa del fondatore, Michele Caso, morto a inizio agosto all’età di 69 anni: l’uomo che, dal niente, l’ha inventata e trovando poi nel figlio Antonio il braccio destro che l’ha lanciata nel mondo.

Il Materassificio Montalese opera in Italia e all’estero con il proprio marchio e nel private label, asset che si dividono a metà l’operatività dell’azienda.

materasso-lovely_latex_copy

perdormire 4

Oltre ai mercati del Far East (dove è presente con una company a Shanghai) – nella foto Luchi è con la rappresentante di FederlegnoArredo in Cina, Begona Ramirez –

perdormirecina

la società è significativamente presente in Europa, in primis in Francia, e poi in Spagna, ma anche nei mercati dell’Est europeo, tra cui Polonia e Repubblica Ceca. Di rilievo i fatturati provenienti da Grecia, Svizzera, ma anche in Nord Africa, da Paesi come l’Algeria. Azienda dinamica quella pistoiese che ha intrapreso un percorso di riequilibrio tra mercati esteri e nazionale dopo che nel 2012 l’internazionalizzazione era salita al 70 per cento. “Oggi – sottolinea Paolo Luchi – il rapporto è cambiato con un 55% da oltreconfine e il resto dall’Italia”. PerDormire opera anche in comunicazione, come dimostra la pubblicità con la testimonial Alena Seredova.

perdormire 3

perdormire testimonial

Video sull’azienda

Due fattori hanno prodotto una svolta nelle strategie aziendali: un cambio di marcia in Italia, con il lancio di un progetto di verticalizzazione con 90 punti di vendita, e una crescita complessiva di valore negli ultimi cinque anni, se si pensa che la produzione è scesa da 600mila pezzi l’anno agli attuali 400mila mentre il fatturato è costantemente aumentato.

perdormire

Italianità, ricerca e sviluppo e tradizione familiare sono, infine, il tris attorno al quale ruota lo sviluppo del Materassificio Montalese. “L’italianità – sottolinea il direttore commerciale – è garantita al 100 per cento, dalle materie prime alla manifattura; l’impegno in R&S è evidenziato dagli oltre 20 brevetti e dalla tecnologia adottata in azienda. Da ultimo l’impegno di una famiglia, l’ho potuto vedere da quando sono qui, che ha espresso i valori del sacrificio e della voglia di migliorarsi continuamente. E’ quanto abbiamo visto nell’opera di Michele Caso che ha fondato l’azienda portandola a Montale, vicino a Pistoia, dalla Sardegna dove aveva operato con un suo primo materassificio”. Con l’ingresso in azienda del figlio Antonio c’è stato l’ulteriore slancio che ha decuplicato nel giro di 15 anni volumi e produttività.