Indica un intervallo di date:
  • Dal Al
Desall 8

Desall.com (design on demand): la start up che mette a disposizione delle imprese più di 80mila professionisti da oltre 200 Paesi

Si può essere aziende presenti sui mercati esteri anche offrendo opportunità di lavoro via Internet a migliaia di professionisti-progettisti sparsi per il mondo. Basta collegarli, attraverso la Rete, e metterli in condizione di gareggiare tra loro per partecipare a gare internazionali di design on demand promosse da qualsiasi impresa ma, soprattutto, a sostegno delle iniziative di sviluppo delle aziende del made in Italy. Un modo, nuovo, per garantire alle imprese l’accesso a un vastissimo potenziale di contributi progettuali. E’ l’idea che ha sviluppato una start up trevigiana, la Desall.com, fondata nel 2011 da Davide Scomparin (attuale Ceo), giovane designer, laureato presso lo Iuav (Istituto universitario di Architettura) di Venezia (a destra nella foto in alto, accanto al project manager e art director Fabio Dal Colle).

Desall.com (Desall unisce le iniziali di Design e la parola inglese “all”, tutto) ha sede negli spazi dell’acceleratore d’impresa H-Farm a Roncade (Treviso) che ha sostenuto con convinzione questa iniziativa imprenditoriale.

Desall 7

Desall 2

Punti_divista_DRONI

I risultati dei primi cinque anni di attività mostrano che H-Farm ha avuto “fiuto”. La start up, infatti, in questo arco di tempo, ha preso in carico da imprese italiane ed estere oltre 70 programmi di sviluppo (i “contest”) attorno ai quali sono arrivate da tutto il mondo quasi 20mila idee progettuali attorno alle dell’iniziative delle aziende interessate. La quota totale dei compensi distribuiti ai progettisti vincitori ammonta a oggi a oltre 180mila euro. Risultati da start up, ma dalle ampie prospettive di crescita, stando almeno a quanto accaduto fin qui.

La rete di designer che fa capo attualmente a Desall.com è costituita da più di 80mila professionisti, operativi in 203 Paesi. Il sito dell’azienda – alla data di metà settembre 2016 – aveva raccolto oltre 1,5 milioni di visite. Desall.com vive delle fee per ogni contest e gara lanciati dalle aziende. Il 2016 dovrebbe chiudersi con un fatturato complessivo di 350mila euro. I ricavi nel 2015 sono ammontati a 256mila euro contro i 180mila euro del 2014. L’azienda conta oggi sul lavoro del fondatore, di un collaboratore esterno e di tre dipendenti.

Vista la natura di per sé internazionale della piattaforma, l’interesse principale di Desall.com è rispondere appieno a questa vocazione, spingendo il proprio raggio d’azione verso i Paesi emergenti e, in particolare, verso la Cina. La recente partecipazione alla Szidf (Shenzhen international industrial design fair)

Cina

ha costituito uno dei primi passi verso questo obiettivo, ora agevolato anche dalla presenza di agenti in diversi Paesi del mondo considerati di interesse strategico per l’azienda.

“Grazie alle esperienze che avevo maturato nel settore – ricorda Davide Scomparin – elaboro l’idea che sta alla base di Desall: aprire il processo di sviluppo di un nuovo prodotto attraverso una democratizzazione del design. Avevo visto, anche sulla mia pelle, quanto fosse difficile per i designer emergere con il proprio nome e ho messo allora in atto un sistema che potesse aggregare da ogni parte del mondo capacità, conoscenze e risorse per arrivare a prodotti migliori. Ho pensato: se diamo la possibilità di partecipare in modo attivo con idee, proposte, richieste e opinioni alla progettazione del prodotto, incrementeremo le probabilità di successo e la capacità di soddisfare i consumatori”. Scomparin fonda così Desall.com, che si presenta online nell’agosto del 2012.

“La nostra start up – spiega ancora Scomparin – è una piattaforma open innovation dedicata al mondo del design e dell’innovazione, che offre alle aziende uno strumento di sviluppo partecipativo che coinvolge nel processo creativo una community internazionale proveniente da tutto il mondo. Ad oggi Desall.com ha attivato collaborazioni con brand internazionali fra cui Luxottica, Whirlpool, Elica, Alessi, Made, Leroy Merlin, Kinder, Barilla, illy, Chicco, OZ Racing e molti altri”.

Grazie alla contaminazione fra diversi background culturali e fra differenti settori creativi, la community di Desall.com è in grado di fornire soluzioni progettuali per ogni fase dello sviluppo prodotto richiesto dall’azienda cliente, andando dal concept al product design, dal naming al packaging. L’azienda ha ottenuto riconoscimenti a livello internazionale, fra cui il premio Open Alps, ed è stato inserita nella classifica del magazine Informilo fra le “Top 25 Hottest european early-stage companies”.

“Sin dalla sua fondazione – aggiunge Scomparin – Desall.com ha sempre cercato di farsi promotore dell’eccellenza italiana, proponendosi come uno strumento di accelerazione per il Made in Italy. Grazie alla nostra piattaforma web siamo in grado di offrire alle aziende un processo creativo digitalizzato che consente di ottimizzare e velocizzare i tempi di sviluppo per arrivare sul mercato con largo anticipo, mantenendo al contempo un elevato standard di qualità”.

il sito di Desall.com e il video aziendale

Come funziona il modello-Desall? Lo spiega Jacopo Zanon, community manager della start up trevigiana, parlando della più recente iniziativa: “Abbiamo appena lanciato una nuova collaborazione con Electrolux, che intende realizzare un elettrodomestico all-in-one, in grado di gestire tutti i vari processi legati alla lavanderia, dal lavaggio alla asciugatura fino alla stiratura. Il contest è strutturato in due fasi: nella prima i professionisti partecipanti sono stati chiamati a inviare concept innovativi per combinare queste tre diverse funzionalità in un unico apparato. Ora, invece – una volta identificata l’idea vincitrice nel concept inviato dal giovane collettivo britannico “Boa design” – i partecipanti sono invitati a studiare i punti forza e di debolezza di questa idea e a presentare un nuovo progetto di product design in grado di rispondere ai nuovi requisiti posti da Electrolux. Nella prima fase si è vista una partecipazione di oltre 100 designer da tutto il mondo. In questa seconda fase aperta a tutti (che abbiano o meno partecipato alla prima fase) ci aspettiamo un interesse ancor maggiore, visto anche il fatto che il focus del contest si basa su un un progetto ora ben più definito”.
Questa seconda fase di proposte si chiuderà il 14 novembre e da quella data è attesa la scelta di Electrolux. L’annuncio dei vincitori dovrebbe avvenire intorno alla metà del prossimo dicembre. Il premio consiste in tremila euro.

La “gara” Desall-Electrolux

Desall.com sta diventando un’opportunità di lavoro e di visibilità per tanti giovani professionisti in tutto il mondo. Come dimostra la storia di Kelvin Wiratama e Irma Suryani, entrambi indonesiani, che si sono classificati primi in due contest di alto livello promossi rispettivamente da Breil e Replay. Sono riusciti a far capire il valore del loro design confrontandosi con centinaia di altri creativi da tutto il mondo, molti anche con più esperienza o già affermati in questo settore.

La versatilità della piattaforma e la modularità dell’offerta hanno anche consentito a Desall.com di collaborare con aziende di piccola-media dimensione che costituiscono tuttavia la vera base del “saper fare” e del design di alta qualità, elementi caratterizzanti dello stile italiano riconosciuto in tutto il mondo. Fra questi spicca il caso di Vetrerie dal Pian che da azienda conto-terzi, fornitrice dei più riconosciuti brand del design italiano, è riuscita, rivolgendosi a Desall.com, a creare un proprio marchio con una collezione di prodotti in vetro di grande qualità che le hanno concesso di inserirsi a pieno titolo nel panorama del design italiano nel mondo.

Uno dei temi che Desall.com sta affrontando con particolare interesse è il mondo che ruota attorno all’Internet of Things, un settore che sta ricevendo l’attenzione dei più grandi player mondiali a livello tecnologico ma anche di startup e aziende che stanno convertendo la propria gamma prodotti. Desall.com sta rispondendo a questa sfida con una nuova piattaforma dedicata all’ideazione, allo sviluppo e al design di nuovi device, offrendo alle aziende la possibilità di aggredire questo mercato con delle soluzioni innovative.

Case history

Sono stati ben 754 i designer da tutto il mondo che hanno accolto la sfida di Alessi, progettando un nuovo prodotto che, partendo dal bisogno della persona nel comunicare l’amore, celebrasse il concetto di dono. Per dieci di loro il contest si è dimostrato un’occasione unica, che li ha visti protagonisti di un workshop organizzato con Desall, Alessi e Lpwk presso la sede di Desall

Desall 1

e la sede di Alessi in Omegna. I vincitori provenienti da Messico, Stati Uniti, Giappone, Colombia, Italia e Cina hanno vissuto 3 giorni intensi di confronto e crescita professionale in diretto contatto con il team di Alessi, Lpwk e Desall.

“La trama e l’ordito” è il design realizzato da Luca Galbusera, utente di Desall, in occasione del contest nato dalla collaborazione tra Alessi, Italcementi, Desall e Lpwk: Concrete In Design. Il contest proposto era un nuovo centrotavola da realizzarsi con la malta i.design Effix, sviluppata al Kilometro Rosso da Italcementi. Il prodotto messo in vendita da Alessi in brevissimo tempo dalla fine del contest,

Desall 6

ha trovato grande apprezzamento nel mondo del design, presentato anche alla International contemporary furniture fair di New York e si è aggiudicato il Design Plus 2015 (Messe Frankfurt).

Con oltre duemila idee di design inviate su Desall.com, Illy ha dato vita alla nuova collezione di mugs a celebrazione di sei città nel mondo, attualmente in vendita nei rispettivi store monomarca.

illy-city-mug

È risultata vincitrice del contest, fra i 310 partecipanti, Mie Araki, illustratrice di professione con sede negli Stati Uniti, che ha realizzato l’intera collezione. La grafica di ciascuna mug richiama un particolare aspetto della città cui si riferisce, evocando un tratto peculiare che ne celebra la bellezza e la peculiarità.

Chicco, brand del gruppo Artsana, ha avviato diverse collaborazioni con Desall.com, una delle quali ha visto come argomento la ricerca di concept innovativi per un nuovo cavalcabile per aiutare i bambini a sviluppare il senso del movimento e le capacità motorie.

Ride-on-baby

Una più recente collaborazione con Chicco ha visto lo svolgimento di un workshop online su Desall.com con alcuni talenti della community selezionati ad-hoc per l’approfondimento e lo sviluppo di alcuni progetti dedicati al tema “il relax per bambini e mamme” in casa.

Uno fra i casi di più grande successo è il contest “Emerging talent award” promosso in collaborazione con Made.com, store online dedicato al mondo dell’arredo. Dopo l’evento organizzato durante il Salone del mobile di Milano sono state raccolte ben 1070 idee progettuali per l’arredo della casa e il progetto vincitore annunciato durante la London design week 2015 sarà presto disponibile sullo store di Made. I vincitori del contest, Ivana Mannavola e Nicola Lattanzi, hanno ottenuto un contratto di royalties per il loro progetto Overlap storage, presto in vendita su Made.

Mabele ha realizzato con successo un’intera nuova collezione di librerie in acciaio, scegliendo fra i 900 progetti inviati dai partecipanti al contest Off the wall su Desall.com. I progetti selezionati dallo sponsor sono stati disegnati da sei diversi autori provenienti da Italia, Stati Uniti, Serbia e Russia. Le librerie, ora in vendita, sono state dapprima presentate al Salone del Libro di Torino e sono state quindi poi su scala internazionale alla fiera di design Maison et objet 2016 di Parigi.