Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Il modello Finder (rele’ e temporizzatori): all’estero a tutto campo, con stabilimenti, piattaforme logistiche, filiali e distributori locali – foto –

Gli addetti ai lavori e i clienti, in Italia e nell'Europa occidentale, sanno bene che cosa e' la torinese Finder, "regina" dei rele' e dei temporizzatori: "Dal 1954 – dice il claim del marketing – la luce quando serve". Ma Finder e' andata ben oltre l'Europa occidentale, in sessant'anni di attivita': a Est, in Romania, Ungheria e Russia. E nel resto del mondo, Usa, Messico, Brasile, Argentina, Hong Kong, per citare alcune delle destinazioni piu' importanti.

Quello che impressiona e' la capillarita' e la modalita' della diffusione di Finder: la societa' vanta oggi una presenza sui mercati esteri che riguarda 115 Paesi. Una copertura cosi' a tutto campo fondata oltre che sui due stabilimenti produttivi italiani (rnel Torinese, ad Almese e nel Cuneese, a Sanfront) – che pure lavorano per l'estero – anche sui due siti produttivi fuori Italia (in Francia, a Saint Jean de Maurienne, aperto nel '91, e in Spagna, a Valencia, nel 2001). Un'azienda che ha legato la sua internazionalizzazione alle piattaforme logistiche (fondamentale quella tedesca) e a una ricca rete di filiali (ben 21 contro le 6 in Italia) e distributori locali.

La Finder – protagonista globale nella progettazione, realizzazione (con automazione) e distribuzione dei suoi rele' e temporizzatori (una gamma di 12mila articoli) in campo civile, terziario e industriale – festeggera' i 60 anni di attivita' con varie iniziative, tra cui una competizione didattica tra le scuole tecniche piemontesi. Finder e' un esempio di internazionalizzazione avviata in tempi non sospetti, in cui la necessita' di stare sui mercati esteri non era cosi' forte come lo e' oggi. Le vendite oltre confine si aggirano sul 60 per cento del fatturato complessivo (41 per cento Europa, 10 Nord e Sud America, 9 Medio Oriente, Asia – nel 2013 l'apertura di una filiale in India – e Africa).

Una storia d'impresa che, dall'alto dei suoi sessant'anni, da' il senso della capacita' industriale italiana: "Da Piero Giordanino, il fondatore, che nel '49 inventa il rele' passo passo fino all'avvio dell'impresa, nel '54 – sottolinea il responsabile delle relazioni esterne, Francesco Joly (nella foto al fondo dell'articolo)- e  fino ai circa mille dipendenti di oggi che cooperano alla realizzazione di  un fatturato consolidato che nel 2013 ha raggiunto quota 160 milioni, con un incremento del 4 per cento sull'anno precedente". Alla faccia della crisi….

"Negli ultimi anni – conclude Joly – ci siamo dedicati allo studio e alla realizzazione di prodotti destinati al risparmio di energia, quali crepuscolari, rilevatori di movimento, temporizzatori e relè di controllo. Abbiamo il numero di omologazioni più alto per prodotti della nostra categoria".

E per spiegare le potenzialita' dei propri prodotti Finder ha fatto realizzare anche dei fumetti. Come questo: "Bambini, vi ho detto mille volte di spegnere le luci della scala…". "Scusa mamma…". E rivolta a un installatore: "Sa, a volte vorrei che queste luci…". Ma la mamma viene interrotta: "Permesso? Buongiorno, grazie per l'invito". "Salve, ragazzi, benvenuti!". Si', "ma chi spegne le luci?" Si domanda tra se' e se'. "Ho capito, signora". L'installatore in quattro e quattr'otto interviene: "D'ora in poi non dovra' piu' tenere sotto controllo queste luci… E nemmeno la bolletta dell'energia elettrica. Ho appena installato il rele' 13.91 Finder, cosi' le luci si spegneranno da sole, al termine del tempo impostato…".

E che dire delle Finder adventures con la bella poliziotta Vera Rainer? (vedere qui sotto….)

 Il sito di Finder

 

Francesco Joly

Finder_Almese_esterni

Tav_01